Jarvis, arriva l’assistente virtuale di Facebook: ecco come funziona

0
138

Jarvis è l’assistente virtuale lanciato da Facebook. Vediamo come funziona.

Jarvis è l’assistente virtuale di Facebook. Dal papà di Facebook arriva il nuovo assistente virtuale: Jarvis. Proprio come la voce dell’intelligenza artificiale che aiuta Iron Man e gestisce la fantastica casa di Tony Stark, Jarvis sarà il gestore della casa intelligente made in Mark Zuckerberg.

Zuckerberg racconta di aver speso 100 ore negli ultimi dodici mesi per programmare lo scheletro di Jarvis, un prototipo di intelligenza artificiale che è in grado di sostenere una conversazione telefonica e che in autonomia controlla l’accensione delle luci, la temperatura delle stanze, l’accensione degli elettrodomestici, la diffusione della musica e tutto ciò che riguarda la sicurezza (sensori anti-intusione, spie per fumo e agenti chimici, ecc).

Ciò che rende Jarvis “intelligente” è la capacità di imparare dalle abitudini degli utenti, in un posto Zuckerberg precisa che questa prima versione ha un sistema per il linguaggio naturale e il riconoscimento vocale, facciale e l’apprendimento.

Il principale ostacolo riguarda proprio l’elaborazione del linguaggio e le difficoltà di capire le modifiche sul significato apportate dal contesto. Difficoltà anche nella gestione della musica, con una marea di album e artisti difficili da reperire tramite parole chiave.

Jarvis è già attivo nella casa di Mark Zuckerberg e con il suo sistema di riconoscimento facciale, tramite un sistema di telecamere, può capire chi sta suonando alla porta – aprendo automaticamente agli ospiti già previsti o inviando segnalazioni sullo smartphone quando non si è in casa.

Passi avanti sul riconoscimento vocale, capace di capire problemi specifici quando si rivolgono loro delle domande.

La sfida di Zuckerberg ora è quella di insegnare all’assistente virtuale a imparare tramite le abitudini dei residenti. Ma il papà di Facebook ammette che si è ancora lontani da comprendere come funziona l’apprendimento negli uomini e come replicarlo per un’intelligenza artificiale.

Mark non ha fatto cenni all’idea di far doppiare l’assistente virtuale proprio da Roberto Downey Junior, che interpreta sul grande schermo proprio Iron Man.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon