24 Maggio 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Ecco l’innovativa serra hi-tech: per coltivare nello spazio e al chiuso

Ecco l'innovativa serra hi-tech: per coltivare nello spazio e al chiuso

Scritto da Redazione

- 4 Gennaio 2017

La tecnologia per coltivare senza limiti di spazio: la serra hi-tech, dotata di sistema di illuminazione Led, per studiare le piante e i loro comportamenti.

Anche il settore dell’agricoltura, nel tempo, ha avuto una sorta di evoluzione. Se prima. Da quando il mondo si sosteneva solo grazie al settore primario, sono passati secoli. Eppure, le piante, il mondo vegetale in generale, restano fondamentali per la salute e l’alimentazione dell’uomo. Per questo, gli scienziati, hanno cercato di elaborare sistemi che permettessero la coltivazione di queste ultime, anche in spazi non proprio agevoli. Frutto dell’elaborazione di un team di esperti, è la serra Hi-Tech, una serra dotata di un sistema di illuminazione a Led per studiare il comportamento delle piante, in ambienti chiusi e in condizioni ambientali estreme. In particolare, sono i ricercatori del Centro di Ricerche Enea di Portici, nell’ambito del progetto di ricerca pubblico privato Tripode, a portare avanti il progetto.
I ricercatori napoletani, hanno si sono prefissi lo scopo di riuscire a coltivare, anche in zone che non permettono, per condizioni ambientali estreme, la coltivazione. La serra hi-tech, infatti, ha l’obiettivo di permettere possibili colture come in luoghi chiusi, dai fabbricati alle navette spaziali. Ma come ci riesce? La serra ricrea un microcosmo in laboratorio, riproducendo fedelmente l’ambiente sotterraneo ed aereo della pianta, ed è utile per ricerche in numerosi campi della biologia come la fisiologia, la patologia e la parassitologia vegetale, l’ecofisiologia, l’ecotossicologia, l’ecologia tellurica.

Con l’innovativo sistema di illuminazione di cui è dotato, l’illuminazione a Led consente di donare alle piante luce con lunghezze d’onda selezionate invece dell’intero spettro solare. Lo stesso team sta provando a sperimentare, anche con l’utilizzo dell’elettronica organica (Oled), le conseguenze di questo tipo di ambiente sulla crescita e sulle qualità nutrizionali delle piante prese in esame. Speriamo che presto la ricerca possa giungere a agli obiettivi prefissati, facendo compiere all’uomo un altro passo in avanti vero il futuro.

Potrebbero interessarti