23 Maggio 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Radio Garden, il sito che permette di ascoltare tutte le stazioni del mondo

Radio Garden, il sito che permette di ascoltare tutte le stazioni del mondo

Scritto da Redazione

- 19 Dicembre 2016

Radio live da tutto il mondo, grazie al progetto Radio Garden.

Radio Garden, cos’è? C’è ancora chi vuole ascoltare musica random nell’era di Spotify. Per farlo e riuscire a intercettare tutte le stazioni del mondo c’è un sito che ci viene in aiuto.

Se girare la piccola manopola della radio vi trasporta in un’epoca diversa e dal sapore vintage, apprezzerete molto Radio Garden.

Essa è una radio online in diretta che mette a disposizioni molte stazioni radio facilmente accessibili in tutto il mondo. Essa utilizza la più recente tecnologia del browser WebGL per creare un mondo virtuale che assomiglia a Google Earth.

Basta girare e attraversare le frontiere per ascoltare qualsiasi stazione radio desiderata. Non si tratta solo di scoprire nuove stazioni e nuove canzoni. Oltre alla sezione Live, ci sono più di tre link aggiuntivi.

History: registrazioni storiche che possono essere culturalmente significative. Ad esempio, se ci si collega su Radio Mosca si può ascoltare l’annuncio del primo volo spaziale di Valentina Tereshkova.

Jingles: una tecnologia veloce snippet sulla identificazione della stazione.

Storie: ascoltare le persone ricordare il modo in cui la radio ha cambiato il mondo.

Il sito è diventato virale e ogni giorno vengono aggiunte nuove stazioni radiofoniche. Il progetto è di The Transnational Radio Knowledge, che esamina l’impatto della radio sulla cultura e la comunicazione.

La radio era la connessione internet di un tempo e la sua influenza continua ad avere un ruolo incisivo ai giorni d’oggi.

Ci sono molte stazioni radio online che è possibile sintonizzare con un clic. Ma non c’è qualcosa di visivamente meraviglioso che girare per il mondo ed esplorare un’altra cultura attraverso i suoi suoni?

Potreste essere sorpresi di apprendere che siamo più simili di quanto ci preoccupiamo di ammetterlo. Un progetto sicuramente lodevole che permette di aprire gli orizzonti sul campo uditivo e fare propria una cultura musicale lontana.

Potrebbero interessarti