20 Settembre 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

OhRoma: la maschera VR per sentire profumi afrodisiaci

OhRoma: la maschera VR per sentire profumi afrodisiaci

Scritto da Redazione

- 21 Gennaio 2017

OhRoma, è la maschera VR che sembra una sorta di maschera antigas che riproduce oltre 30 profumi afrodisiaci diversi per un’esperienza più intensa

OhRoma, è una maschera davvero molto particolare. Non so dal punto di vista del design, ma anche dal punto di vista delle sue funzionalità. Con questa maschera, infatti, potrete avere la possibilità di ascoltare profumi afrodisiaci, tipici di terre lontane. È l’ultima tecnologia che cerca di integrare odori e profumi con i dispositivi votati all’intrattenimento. Questa volta, l’idea proviene proprio da un mondo che non è poi molto vicino a quello della tecnologia, il mondo del porno.

Anche se guardandola, si ha l’impressione di trovarsi davanti ad una maschera antigas, questo aggeggio è in grado di riprodurre profumi e odori da utilizzare con smartphone e un visore per la realtà virtuale. Con questa idea, l’azienda creatrice ha voluto incrementare la partecipazione dell’utente nei contenuti per adulti. Con questa maschera si possono sentire 30 profumi afrodisiaci diversi. Si parla di profumi relativi a cibi, fiori, odori del corpo, profumi e persino biancheria intima. Al momento, chi vuole provarla deve preordinarlo a un prezzo non di molto inferiore ai 100 dollari, e ogni ricarica di profumo costa tra i sei e i nove dollari.

[gallery ids="3068,3069,3070"]

OhRoma è solo l’evoluzione più recente di quella che per anni è stata una vera e propria tendenza: unire il piacere della vista, a quello dell’olfatto. Pensate che già nei primi anni del XX secolo, i primi proprietari di teatri e poi di cinema, provarono a spruzzare del profumo nelle sale momenti specifici per suscitare emozioni più intense. Ma i consumatori non avevano mai apprezzato più di tanto il tentativo piuttosto rudimentale. Tentativi simili, più recenti, sono stati quelli con Smell-O-Vision e AromaRama. Non di grande successo dato che alle persone non piace assolutamente avere sulla faccia una spruzzata di profumo mentre guarda un film. Nel 2001 uno startup spese oltre 20 milioni di dollari per mettere sul mercato iSmell. Un dispositivo che si collegava al PC e che avrebbe emesso dei profumi sotto nostra indicazione o in base a ciò con cui ci saremo rapportati in Rete.
Purtroppo, si rivelò un’idea fallimentare, inserito addirittura nella lista dei peggiori prodotti tecnologici di sempre. Forse, OhRoma riuscirà a far dimenticare tutti gli insuccessi passati, e a dare agli utenti l’idea di vivere un’esperienza che coinvolga più sensi e quindi che diventi più intensa.

Potrebbero interessarti