Yahoo, continua l’indagine sulla violazione dati relativi ai propri utenti

0
51

Yahoo: la Securities and Exchange Commission (SEC) sta studiando due enormi violazioni dei dati che coinvolgerebbero l’azienda e sta esaminando la questione per stabilire se la società dovrebbe segnalare la questione al più presto ai suoi investitori.

La SEC ha iniziato a condurre le sue indagini da dicembre 2016 e ha proceduto con la richiesta di documenti rilevanti, come sembra per determinare se Yahoo rispettato le norme di sicurezza civile sulla divulgazione dei attacchi informatici che hanno avuto luogo nel 2014.

Secondo le notifiche legali, le aziende di tecnologia sono tenute a dichiarare i vari rischi connessi alle informazioni, in quanto queste possono avere un effetto negativo sugli investitori.

Il Wall Street Journal afferma che l’indagine che circonda la eventuale violazione di sicurezza di Yahoo è ancora nella sua fase iniziale.

Pertanto, per quanto riguarda eventuali sanzioni o conseguenze giuridiche, si deve ancora attendere.

L’indagine è incentrata sulla violazione dei dati che coinvolgerebbe Yahoo e che ha avuto luogo nel 2014. Durante la violazione della sicurezza, almeno 500 milioni di dati personali degli utenti sono stati compromessi. Yahoo ha collegato l’incidente a un attacco hacker.

Fino a oggi, Yahoo non è stata in grado di spiegare il motivo per cui ci sono voluti due anni per rivelare una violazione così massiccia. A metà dicembre 2016, Yahoo ha rivelato di aver recentemente scoperto che le informazioni private più di 1 miliardo di utenti sono state esposti nel corso di una violazione dei dati nel mese di agosto del 2013.

In mezzo a tutto questo, Yahoo ha affrontato diversi ostacoli sul suo modo di finire il processo di acquisizione con Verizon che, ha chiesto 1 miliardo di dollari di sconto, basandosi sulla violazione effettuata dagli hacker.

La situazione è peggiorata con la divulgazione della violazione di dati di 1 miliardo di utenti di Yahoo da parte di un “terzo non autorizzato.”

L’indagine ora non solo pone l’accento sulle informazioni non rivelate agli investitori, ma probabilmente includerà Verizon, che potrebbe diventare capogruppo.

Il  Wall Street Journal  afferma che questa potrebbe essere la prima volta che un ente federale conduca una causa contro una società per non rivelarne la violazione informatica.

Yahoo afferma che sta cooperando con “federali, statali e funzionari governativi stranieri e le agenzie di ricerca di informazioni e/o documenti riguardanti l’incidente di sicurezza e questioni connesse, tra cui la Federal Trade Commission degli Stati Uniti, la US Securities and Exchange Commission, diversi procuratori generali e l’ufficio del Procuratore degli Stati Uniti per il Distretto meridionale di New York”.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon