Cobot, non più Robot: l’ultima evoluzione degli automi

0
70

La giornalista Enrica Battifoglia rivela i prodigi della tecnologia che, ha reso possibile un’evoluzione dei tradizionali robot, oggi si parla di Cobot

I Cobot sostituiranno l’idea che negli anni abbiamo avuto dei classici Robot. Come ogni cosa, anche questo campo della tecnologia si è evoluto. Se un tempo, non troppo lontano, si guardava con occhi arcigno a questa nuova tecnologia, oggi i robot sono diventati la soluzione più pratica e intelligente per il nostro presente. I robot attuali nascono per aiutare l’uomo nelle sue difficoltà quotidiane, hanno forme umanoidi e sono molto belli oltre che capaci e dotati di una ottima intelligenza artificiale. Non solo più bracci meccanici capaci di sollevare pesi o di eseguire lavori ripetitivi, ma veri e propri robot collaborativi, o più propriamente, cobot che non sostituiscono gli individui ma li aiutano nel loro lavoro.
Non si tratta di macchine di metallo, ma di semplice plastica, rivestiti di pelle sensibile. Questo tipo di pelle è dotata di sensori, in grado di captare e tradurre espressioni facciali umane. Alcuni sono in grado di svolgere al meglio lavori domestici o di fare da “badante” agli anziani. Quindi non solo saranno in grado di gironzolare per casa senza fare danni e in tutta autonomia, ma saranno anche in grado di dosare la forza quando avranno a che fare con persone anziane o bambini.

Enrica Battifoglia, una giornalista, racconta i prodigi della tecnologia che, in questo campo, ha fatto progressi straordinari in pochissimi anni. Enrica ci rivela anche studi e realizzazioni di robot di pochi millimetri, capaci di portare farmaci all’interno del corpo in grado di colpire in modo mirato le cellule negative. Questi micro robot, grazie a dei sensori, sarebbero in grado di rilasciare il farmaco nei luoghi, nei modi e nei tempi rigorosamente stabiliti.
Nel suo saggio Enrica, racconta anche della realizzazione di sciami di robot, robot-droni, robot con sembianze umane, robot-cani da compagnia, robot con abilità in grado di fare ciò che per l’uomo sarebbe impossibile fare autonomamente. Dotandoli delle informazioni necessari, i robot sono capaci di imparare e comportarsi come vogliamo.

Il progetto Robo-brain sta sviluppando progetti in grado di consentire agli umanoidi di collegarsi alla rete e inter scambiarsi dati. Ci sono ancora alcuni problemi relativi alla realizzazione di queste macchine, che fanno leva anche sulle paure umane. In molti temono che una tale evoluzione possa rubare altro lavoro all’uomo. Altri ancora, riflettono sui rischi degli usi militari dei robot, dei droni, dei vari strumenti di aggressione e ricognizione. Solo con un uso oculato e coscienzioso di questi mezzi potremmo porre dei limiti ai robot e ai loro discendenti, i cobot.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon