Blade, l’auto creata con la stampa 3D: sembra la Batmobile!

0
128

L’azienda Divergent 3D ha creato una macchina con la stampa 3D e ora collabora con Peugeot, per sperimentare il sistema nella produzione di massa

Quando sono iniziate a circolare le stampanti 3D, c’è stato un forte clamore tra gli utenti, che non vedevano l’ora di poter usare la stampante per riprodurre tanti oggetti. Questa fibrillazione, negli ultimi tempi è un po’ calata. Eppure, il settore, è in continuo miglioramento. Presto potremmo vivere in un modo interamente fatto di oggetti 3D. Intanto, l’azienda Divergent 3D non è rimasta con le mani in mano e ha presentato la prima auto realizzata attraverso queste stampanti. Si chiama The Blade Supercar, e come potete chiaramente notare, è un’auto il cui design ricorda, senza ombra di dubbio, quello della mitica Batmobile (l’auto usata dal supereroe Batman). È il primo veicolo stampato 3D.

La Divergent 3D, stava già lavorando al progetto da un paio d’anni concentrando i suoi sforzi soprattutto nel settore dei ricambi per veicoli realizzati interamente in questo modo. Al momento, sta progettando delle stampe di massa con diverse realtà del mondo delle quattro ruote, come Peugeot e SLM Solutions. Rispetto al sistema classico, quello 3D, consente un margine di personalizzazione dei veicoli più ampio. Con questo sistema si possono curare anche i minimi dettagli.
Col 3D, gli ingegneri della Blade sono addirittura riusciti a farla pesare un terzo in meno, rispetto alla Tesla Model S.  Peugeot ha voluto investire nel mondo delle parti per auto stampate 3D perché il suo obiettivo è abbattere i costi e migliorare la personalizzazione dei suoi modelli a due e quattro ruote. Al momento, né Divergent 3D, né tanto meno Peugeot, hanno rivelato i dettagli dell’accordo. Ma considerando il tutto, dovremmo aspettare a lungo prima di vedere i prossimi modelli realizzati con stampa 3D.
Ci sono alcuni fattori critici per il sistema 3D, ancora da smussare. Uno di questi è senza dubbio i tempi di produzione: troppo lunghi, al momento, per una larga produzione di massa. Poi c’è anche da considerare che i materiali utilizzati, non danno una grande affidabilità. Ma sicuramente i progressi futuri in questo campo riusciranno a rendere perfette le auto realizzate con questo innovativo sistema.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon