Anime Strike, il servizio streaming di Amazon dedicato all’animazione giapponese

1
173

L’azienda prevede di lanciare un servizio di streaming per gli appassionati di anime giapponesi, denominato Anime Strike.

Chiamato Anime Strike, il canale è servizio di abbonamento di Amazon on-demand per i membri di Amazon Prime che si rivolge a un pubblico specifico.

Il colosso delle vendite online si schiera, dunque, contro Netflix, con un servizio di streaming online specializzato in animazione giapponese.

Dopo un periodo di prova gratuita di sette giorni per i membri Amazon Prime, gli spettatori che desiderano iscriversi al servizio possono pagare un canone di abbonamento $ 4,99 al mese (non si conosce ancora precisamente il costo in euro).

Ciò permette agli utenti di guardare spettacoli senza annunci e di navigare nella lista dei diversi titoli nipponici messi a disposizione in streaming da Amazon.

Anime Strike sarà caratterizzato da oltre 1.000 titoli di anime. La maggior parte di queste visioni sono recenti. Tra queste, possiamo annoverare Spettacoli come Blue Exorcist: Kyoto Saga e Urara Meirocho.

Amazon, però, non si è dimenticato di includere classici come Tokyo Godfathers e Paprika, che sono stati entrambi diretti dall’acclamato regista Satoshi Kon e rilasciati nei primi anni 2000.

Tutto ciò, unito a spettacoli come Scum’s Wish e Onihei, che sono esclusivi al canale, e una scaletta di anime che verrà aggiornata su base settimanale, prevede un’agguerrita concorrenza del colosso degli acquisti online con i suoi principali competitor.

Come accennato in precedenza, Amazon non solo deve fare i Netflix, ma anche con Crunchyroll. Entrambi i concorrenti dispongono di una vasta gamma di titoli di animazione giapponese.

La forte domanda di anime, però, spinge gli spettatori a mettersi alla ricerca di contenuti sempre nuovi e interessanti e, pertanto, a dare fiducia al nuovo servizio di anime streaming di Amazon.

“Con gli anime in particolare, il pubblico si dimostra appassionato e forte e che non è accontentato dall’offerta tradizionale della Pay TV”, ha sottolineato Michael Paull, VP of digital video di Amazon.

A parte gli anime, Amazon prevede anche di lanciare più canali video on-demand dedicati a diversi target di spettatori.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon