5 Novembre 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Una foglia artificiale che produce medicinali? È già realtà

Una foglia artificiale che produce medicinali? È già realtà

Scritto da Redazione

- 25 Dicembre 2016

Il team della Eindhoven University of Technology, ha progettato una foglia artificiale capace di produrre principi attivi per i medicinali grazie alla luce

Gli scienziati si stanno già preparando all’eventualità che un giorno l’uomo vada a vivere su Marte. Sul pianeta rosso, l’uomo avrà tutto quello di cui necessita per vivere, contando su macchine e tecnologie avanzatissime, in grado di dargli tutto quello di cui necessita per vivere bene. Per il momento, Marte è ancora uno dei pianeti più lontani dalla Terra. Tra l’altro, ha anche un ambiente che sembra ostile a qualsiasi forma di vita. Come sarà possibile renderlo un pianeta vivibile? Beh, un passo alla volta tutto è possibile. Una delle cose di cui si avrà bisogno in maniera evidente e subitanea, saranno i farmaci. Potremmo morire per un banale morbillo, se non abbiamo medicinali adatti per curarlo. Gli scienziati hanno a lungo studiato un modo per cercare di consentire la produzione di farmaci anche su altri pianeti.
A tal proposito, hanno portato avanti un progetto nei laboratori della Eindhoven University of Technology, in Olanda. Lo studio ha dato la nascita una foglia artificiale, capace di generare principi attivi mediante un processo paragonabile alla fotosintesi che si verifica in natura, dunque partendo dalla luce assorbita. Il dispositivo è caratterizzato da un tipo di materiale noto come Luminescent Solar Concentrator (LSC) ed è formato da molecole fotosensibili che catturano un grande quantitativo di fotoni.
Si tratta quindi, di una foglia artificiale messa a punto dal team della Eindhoven University of Technology. Con questo prodigio della tecnologia, si può produrre principi attivi per i medicinali mediante la luce. La parte più scura della foglia, caratterizzata da una suggestiva venatura che ricorda le foglie vere, è in realtà costituita da piccoli tubi in cui viene fatto circolare un liquido.
A contatto con la luce catturata dal LSC, questo liquido, provoca un’energia abbastanza forte da innescare reazioni chimiche. Ovviamente, tutto questo è possibile ottenerlo anche sulla Terra. Il dott. Timothy Noël, responsabile del progetto, infatti, sottolinea che, con questa foglia sarà possibile produrre medicinali in ogni posto del mondo, ad esempio, nelle giungle dove c’è il rischio di contrarre la malattia come la malaria. Tale macchina però, presuppone qualcosa di imprescindibile: la luce del sole.

Potrebbero interessarti