6 Ottobre 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Firma Digitale: come funziona? Guida facile e completa

Firma Digitale: come funziona? Guida facile e completa

Scritto da Giulia Adonopoulos

- 1 Agosto 2017

Ecco spiegata la Firma Digitale in modo semplice ma dettagliato: come richiederla e attivarla, quanto costa e come firmare.

Devi usare la firma digitale per firmare e sottoscrivere un documento elettronico ma non sai come fare? Ecco una guida semplice e utile per chi usa per la prima volta la firma digitale: come e a chi richiederla, quanto costa, in che modo si utilizza per firmare e qual è la procedura per attivarla.

Firma Digitale: cos’è

La firma digitale serve a dare valore legale ai documenti elettronici ed è il corrispettivo digitale della firma tradizionale fatta su carta.
Introdotta per snellire le procedure tra PA, cittadini e imprese e per ridurre la complicata gestione dei documenti cartacei, la firma digitale consente di autenticare qualsiasi documento elettronico (contratti, fatture, visure camerali, comunicazioni alle pubbliche amministrazioni ecc...) e in qualsiasi formato. Integrità, autenticità e sicurezza sono garantite.

Come funziona

La firma digitale consiste in un dispositivo, che può essere una smart card o una chiavetta USB con cui l’utente può firmare i documenti digitali. Nel kit Firma Digitale spesso è inclusa la Carta Nazionale dei Servizi per autenticarsi e accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione (Agenzia delle Entrate, INPS, Registro delle Imprese ecc...).

Esiste, poi, un altro tipo di firma digitale chiamata remota, che viene generata da uno strumento di autenticazione nome utente + password + telefono.

Attenzione: la firma digitale non c’entra con la PEC. Quest’ultima, infatti, è il corrispettivo elettronico della posta raccomandata con ricevuta di ritorno e dona valore legale alle e-mail ma non ai singoli documenti.

Come richiederla

Per avere la firma digitale bisogna rivolgersi ai certificatori accreditati autorizzati dall’Agenzia per l’Italia in Digitale. L’elenco completo è disponibile sul sito dell’AgID, ma i più utilizzati sono:

  • Aruba
  • Poste Italiane
  • InfoCert
  • Camera di Commercio (per i titolari di un’impresa)

La firma digitale è gratis?

La risposta è no. Il costo del kit firma digitale è variabile e dipende dal certificatore che lo rilascia.

Le Camere di Commercio, di solito, concedono gratuitamente il primo rilascio della smart card Cns, mentre la chiavetta USB viene fornita a pagamento.

Se richiedi la firma digitale di Poste Italiane pagherai 30 euro per il Kit smart card + lettore, e 50 euro per la Postekey. Tutti i prezzi sono da intendersi + IVA. Il kit ha una validità di 3 anni.

Per la firma digitale Aruba il costo parte da 25,00€ + IVA. Il listino prezzi dei kit è il seguente:

  • Kit Aruba key: 59,00€ + iva (spese di spedizione: 10€ + iva)
  • Kit Token: 40,00€ + iva (spese di spedizione: 10,00€ + iva)
  • Kit Smart Card : 38,00€ + iva (spese di spedizione: 10,00€ + iva)
  • Kit firma digitale remota OTP 36,00€ + iva spese di spedizione 7,00€ + iva
  • I lettori di firma digitale Aruba vanno ai 15,00€ + iva ai 45,’’€ + iva. Le spese di spedizione sono pari a 7,00€ + iva.

Come si attiva

Una volta acquistato il kit bisogna creare l’account sul sito dell’ente certificatore scelto e completare l’acquisto tramite metodo di pagamento scelto. Sono supportati PayPal, carta di credito o ricaricabile. Ricordati di avere a portata di mano un documento d’identità valido.

L’attivazione della firma digitale richiede pochi minuti e si fa sul sito internet dell’ente certificatore, dove bisogna inserire i dati richiesti. Ad esempio se hai scelto la firma digitale Aruba collegati al sito e seleziona il kit che hai acquistato e poi premi Attiva. Metti le due spunte alle voci nel box “Il titolare dichiara...” e clicca su Prosegui con l’attivazione.

Per attivare la Firma Digitale ti occorre:

  • Codice seriale della Smart Card (è composto da 16 cifre e si trova in basso sulla Card ricevuta.
  • Codice Fiscale del titolare del servizio
  • Telefono cellulare su cui viene inviato un SMS con il codice di attivazione.

Verifica firma digitale

Prima di utilizzare la firma digitale, però, devi verificare la tua identità e attivare il kit. La verifica può avvenire in 3 modalità:
1) in Comune, dove ci si deve recare con un documento d’identità valido e la documentazione ricevuta dal certificatore e in questo caso bisogna comprare una marca da bollo;
2) Andando a prendere il kit presso il centro del corriere provvisti di documento di identità e pagando una piccola somma per ultimare la pratica
3) A domicilio, facendosi consegnare il kit di firma digitale dal postino e fornendo un documento d’identità valido.

Come firmare con la firma digitale

Adesso che hai verificato e attivato la firma digitale puoi firmare i documenti elettronici. Per farlo, però, devi avere i driver e i sotware di firma. Se hai acquistato una chiavetta USB all-in-one i software di firma sono inclusi e non necessitano di driver per funzionare; in caso di token invece, dovrai installare i driver e i software di firma sul tuo PC. Non ti preoccupare: sul sito dell’ente certificatore che ti ha fornito il kit trovi tutte le istruzioni per procedere.

Per apporre la firma sul documento elettronico apri il software di firma, clicca su Firma e seleziona il file su cui devi firmare. Nella finestra che si apre inserisci il codice pin della Smart Card e seleziona il tipo di file di output tra Busta crittografata P7M, PDF e XML. Infine puoi scegliere se applicare una timestamp (marca temporale), che verifica ora e data in cui il documento è stato firmato, oppure una password che consente di limitare l’accesso al documento ai soli destinatari selezionati.

Potrebbero interessarti