19 Ottobre 2020

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Cos’è e come funziona EasyPark, l’app per pagare il parcheggio

Cos'è e come funziona EasyPark, l'app per pagare il parcheggio

Scritto da Vittoria Vecchio

- 31 Gennaio 2018

Trovare una macchinetta da cui stampare il biglietto del parcheggio non è più un problema, da oggi con EasyPark è tutto più semplice.

Trovare parcheggio per la propria auto spesso richiede già di suo molto tempo, e 8 volte su 10 siamo costretti a camminare chissà quanto prima di trovare una colonnina da cui stampare il biglietto da apporre al cruscotto della nostra macchina.
Per non parlare del fatto che il più delle volte, dopo averla trovata, apriamo il portafogli e ci rendiamo conto di non avere abbastanza monetine per stampare un ticket valido per tutto il tempo di sosta di cui abbiamo bisogno.

Fortunatamente dal momento che c’è un rimedio a tutto, ce n’è uno anche per questo e si chiama EasyPark.


Quella che sta per essere descritta è la migliore applicazione per la sosta a pagamento sulle strisce blu, molto utile per tutti coloro che hanno un’automobile e che sanno bene quanto sia rognosa la ricerca di una famosa colonnina, oltre alla già problematica ricerca del parcheggio in sè.

Questa applicazione consente di digitalizzare tutto il processo, “acquistando” il biglietto direttamente dallo smartphone, con la possibilità di variare l’orario stabilito in base alle proprie esigenze e quindi di pagare solo il tempo di effettiva sosta, prolungandolo o interrompendolo prima del previsto.

Oggi il servizio fornito da EasyPark è disponibile in più di 170 città italiane ed oltre 400 nel resto dell’Europa, ma i numeri sono in continuo aumento.

Registrarsi ad EasyPark


Innanzitutto facciamo presente che questa app è scaricabile gratuitamente su qualunque sistema operativo, quindi su iOS, Android e Windows Phone.

Scaricarla sul dispositivo è molto semplice, dopodiché per poter iniziare ad usufruire del servizio sarà necessaria una registrazione, inserendo il numero di cellulare.

L’azione successiva sarà quella di attivare il nostro account, cliccando sulla voce Completa la registrazione, selezionando l’importo della ricarica da effettuare scegliendo tra 3, 10 o 25 euro e cliccando sulla voce Successivo.

Quello che stiamo effettuando quindi è la creazione di un conto virtuale, effettuando il pagamento attraverso una carta di credito (inserendo tutti i dati necessari) o tramite l’account PayPal.

Il pagamento poi, potrà essere effettuato automaticamente, selezionando la specifica casella Autoricarica il mio conto, oppure ricaricandolo ogni volta manualmente andando sulla sezione Il mio account, poi su Dettagli pagamento ed infine su Acquista.

Dopo aver effettuato la registrazione, prima di iniziare ad utilizzare EasyPark è fondamentale stampare l’adesivo da apporre sul cruscotto, così da permettere agli ausiliari del traffico di sapere che siamo utenti EasyPark e di controllare l’effettivo pagamento della sosta attraverso il numero di targa.

Attivare la sosta

Abbiamo effettuato la registrazione, abbiamo esposto l’adesivo sulla nostra auto, adesso non rimane che iniziare la nostra sosta.

La prima cosa da fare è selezionare il codice area di sosta, attivando la geolocalizzazion e cliccando sulla voce Vedi mappa, inserire il numero di targa del veicolo e l’orario previsto di fine sosta, che come già accennato possiamo modificare in qualsiasi momenti.

Muovendo quindi la ruota che apparirà sullo schermo del nostro smartphone in alto a destra vedremo indicato il tempo previsto per la sosta della nostra auto; per confermare basta cliccare sulla voce Iniziare la mia sosta e poi su Ok.

Nel caso in cui però volessimo modificare il tempo indicato inizialmente, questo sarà possibile riaprendo l’applicazione e muovendo la ruota per prolungarlo o cliccando sulla voce Termina la mia sosta per interromperlo prima del previsto, pagando infine l’effettiva permanenza nel parcheggio.

Tramite le impostazioni della app poi, è possibile modificare i dettagli di pagamento nel caso in cui ce ne fosse bisogno, oltre che gestire gli avvisi, impostando anche l’attivazione di eventuali SMS-promemoria, da ricevere 15 minuti prima del termine della sosta, o addirittura la ricezione via mail di un documento PDF di conferma relativa al parcheggio effettuato.

Tag di questo articolo:

AppiOS Android