27 Maggio 2017

ILoveTech - Il magazine per tutti gli amanti della tecnologia

Vaccini e internet: - 28% per i siti di bufale

Vaccini e internet: - 28% per i siti di bufale

Scritto da Redazione

- 25 Novembre 2016

In calo i portali che si schierano apertamente contro le vaccinazioni obbligatorie

Stop alla controinformazione sui vaccini. Dopo una valanga di bufale sul web e di pericoloso tam tam sui social network, sembra essere arrivata al capolinea la stagione dei siti internet anti-vaccini: negli ultimi quattro anni, infatti, i portali che sconsigliano la profilassi sanitaria obbligatoria, in special modo quella per i bambini, hanno subito una brusca battuta di arresto. A dimostrarlo i dati emersi dal progetto Un Ciak per la Vita - Il cinema per il valore delle vaccinazioni, promosso dalla Sitl, la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica in collaborazione con di Sanofi Pasteur MSD. La ricerca indica che i siti web che si schierano apertamente contro le vaccinazioni obbligatorie oggi sono meno di 1/3 del totale dei portali dedicati all’argomento.
I dati della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica
La ricerca della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica insieme al partner di Sanofi Pasteur MSD è relativa al mese di settembre 2016 e ha monitorato gli ultimi quattro anni di traffico internet dei principali portali web dedicati alle vaccinazioni. In quattro anni sono scomparsi decine di blog e siti dedicati, appunto, alla controinformazione: oggi il no al vaccino viaggia su internet solo per il 28%. Di pari passo rimontano i siti che invece promuovono la campagna di profilassi sanitaria: ad esempio il portale VaccinarSì.org ha già totalizzato due milioni di accessi.

I dati sui social network

Purtroppo l’indagine condotta da Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica non ha considerato il popolo del web e dei social network. E’ proprio su Facebook che si diffonde la controinformazione sui vaccini attraverso il gioco dei like e delle condivisioni. Maggiore controllo sarebbe auspicabile e necessario.

Potrebbero interessarti