Scontro tra Titani in Italia: Nokia denuncia Apple. Ecco perché…

0
130

Nokia ha presentato diverse denunce contro Apple presso i tribunali di Italia, Regno Unito, Olanda, Francia, Spagna, Giappone, Finlandia, Svezia e Hong Kong

Sono dure le accuse di Nokia nei confronti del colosso mondiale, Apple. Tanto dure da finire in tribunale: la Nokia ha sporto denuncia contro Apple presso i Tribunali Regionali di Dusseldorf, Mannheim e Monaco in Germania e il Tribunale Distrettuale del Texas (Stati Uniti). Il motivo di tali denunce? Semplice: secondo la Nokia, l’azienda della Mela Morsicata, è colpevole di aver violato 32 brevetti relativi a varie tecnologie utilizzate nei suoi prodotti. Dopo solo qualche ore da questo annuncio, Nokia ha rivelato di aver fatto nuove denunce in altri paesi, tra cui l’Italia, portando a 40 il numero dei brevetti.
Per capirci meglio, dovremmo fare un piccolo salto nel passato. Nokia e Apple, sono arrivate a stare l’una contro l’altra, solo qualche anno fa, precisamente nel 2009. Si sono date battaglia nei tribunali per almeno 2 anni. Poi però, inaspettatamente, le due grandi aziende hanno raggiunto un accordo nel 2011. Tale accordo, prevedeva che Apple si impegnava a pagare un risarcimento di circa 700 milioni di dollari alla Nokia, istituendo inoltre il versamento delle royalties per l’uso in licenza di alcuni brevetti Nokia negli iPhone. L’accordo, a quanto pare, è saltato. Nokia è passata di nuovo alle maniere forti, presentando denuncia in primis, presso il Tribunale Distrettuale della California. In realtà, Nokia cerca di estorcere somme di denaro stratosferiche per brevetti FRAND con l’aiuto di otto patent troll, ai quali ha deliberatamente trasferito i brevetti in questione.
Il colosso della telefonia nordico, ai precedenti 32 brevetti rubati, denunciati in Germania e Stati Uniti, Nokia ha ora aggiunto altre 8 proprietà intellettuali per un totale di 40. Ma il produttore finlandese non si ferma qui. Il suo scopo è quello di portare Apple anche nei tribunali di Torino, Londra, Helsinki, Stoccolma, Barcellona, Parigi, L’Aia, Hong Kong e Tokyo. Nella faccenda è stata coinvolta anche la ITC (International Trade Commission) degli Stati Uniti, l’agenzia federale che si occupa di pratiche commerciali sleali. Ciò che desidera Nokia è bloccare l’importazione dei prodotti Apple che violano otto dei brevetti denunciati. Non ci resta che aspettare per vedere come si concluderà la querelle tra i due colossi della comunicazione mondiale.

icona_facebooktwittergoogle-plus-icon Hey! Anche tu, come noi, sei un amante della tecnologia e vorresti rimanere sempre aggiornato sulle ultime news ? Niente di più facile, seguici sui nostri social: Facebook, Twitter, Google+.icona_facebooktwittergoogle-plus-icon